BUZZI: L’SMS AGGHIACCIANTE
Salvatore Buzzi, braccio destro del boss Carminati, principale personaggio criminale della clamorosa inchiesta ”mafia capitale” sorrideva all’idea che potessero esserci tragedie o emergenze sociali. Così, era da poco iniziato il 2013, e dal suo telefono, già sotto controllo del Ros dei carabinieri, parte un messaggio all’indirizzo di ”Scozzi”, in confidenza Angelo Scozzafava, ex direttore del dipartimento Promozione dei servizi sociali e della salute del Campidoglio. Il testo dell’sms d’auguri per l’inizio del nuovo anno: ”Speriamo che il 2013 sia un anno pieno di monnezza, profoghi, immigrati, sfollati, minori, piovoso così cresce l’erba da tagliare e magari con qualche bufera di neve: evviva la cooperazione sociale”. Poi Buzzi al telefono spiegava: ”Noi quest’anno abbiamo chiuso con quaranta milioni di fatturato ma tutti i soldi, gli utili li abbiamo fatti sui zingari, sull’emergenza alloggiativa e sugli immigrati. Tutti gli altri settori finiscono a zero”. La mafia sa fare i conti.

Condividi: