Sabato 27 e domenica 28 febbraio scegli il tuo sindaco e la Roma che vuoi tu!

Vieni a trovarci nei banchetti che “Noi con Salvini” allestisce in tutta la Città, sabato 27 e domenica 28 febbraio!
Scegli il tuo sindaco e la Roma che vuoi tu!

ORARIO DEL SABATO (27 FEB)
Mattino: ore 10-13 / Pomeriggio: ore 15-18
ORARIO DELLA DOMENICA (28 FEB)
SOLO Mattino: ore 10-13

== ELENCO BANCHETTI ==

MUNICIPIO ROMA I
– Largo Goldoni SAB E DOM
– Piazza Vittorio (magazzini Oviesse) SAB E DOM
– Via Andrea Doria, 3 (mercato Trionfale) SAB MATT.
– Via Candia (altezza Via Mocenigo) SAB POM.
– Piazza Santa Maria delle Grazie DOM MATT.
– Piazza Cola di Rienzo SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA II
– Piazza Istria SAB
– Piazza Bologna SAB
– Viale Parioli (altezza civico 36) SAB
– Piazza Euclide DOM

MUNICIPIO ROMA III
– Via Ugo Ojetti 2/6° (Zio d’America) SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA IV
– Via Tiburtina (altezza civ 521 Studios Gallery Center) SAB
– Largo Beltramelli DOM

MUNICIPIO ROMA V
– Piazza Roberto Malatesta SAB
– Piazza dei Mirti SAB
– Largo di San Luca Evangelista DOM

MUNICIPIO ROMA VI
– Via Massa San Giuliano (Mercato Castel Verde) SAB
– Viale Paolo Ferdinando Quaglia (ang. V. Acquaroni) SAB E DOM
– Via Casilina (ang. Via Fontana Candida – Finocchio) DOM
– Via dei Colombi (altezza civico 40) SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA VII
– Via Appia Nuova (angolo via Menghini) SAB E DOM
– Via Tuscolana/Largo Appio Claudio SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA VIII
– Via Baldovinetti (angolo via Branzino) SAB MATT.
– Via Rigamonti (altezza civico 100 – I Granai) SAB POM.
– Via Franzoi (piazza dei Navigatori Chiesa S. Francesca Romana) DOM

MUNICIPIO ROMA IX
– Via del Ponte di Piscina Cupa (Outlet Castel Romano) SAB E DOM
– Viale Europa (altezza viale Beethoven) SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA X
– Piazza Anco Marzio SAB E DOM
– Via Massimo Troisi – Giardini di Roma – quart. Caltagirone SAB
– Via di Casal Palocco (Centro comm. Le Terrazze) DOM

MUNICIPIO ROMA XI
– Via della Magliana (alt. civ. 231 – Banca del Fucino) SAB MATT.
– Viale Marconi (alt- civico 190 – La Feltrinelli) SAB POM. E DOM

MUNICIPIO ROMA XII
– Piazza San Giovanni di Dio (mercato) SAB MATT.
– Piazza San Pancrazio (ingresso villa Pamphili) SAB POM..
– Via dei Colli Portuensi – Lgo Nostra S. di Coromoto DOM MATT.

MUNICIPIO ROMA XIII
– Piazza Ormea (Casalotti) SAB
– Via Boccea (altezza civico 193 – Castroni) SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA XIV
– Piazza della Balduina SAB
– Via di Torrevecchia (altezza civico 431) SAB E DOM

MUNICIPIO ROMA XV
– Ponte Milvio SAB MATT.
– Largo di Vigna Stelluti SAB POM. E DOM

roma-gazebo-240216.fw

Marocchino tenta di stuprare una giovane. Ma se la cava con l’obbligo di dimora

Due anni per un tentato stupro. Il 39enne marocchino, che è stato condannato per aver messo le mani addosso a una ragazza e aver cercato di violentarla su una spiaggia di Rimini, non si farà un solo giorno di carcere.

Ha, infatti, patteggiato due anni con la misura dell‘obbligo di dimora. Viene così punita l’ennesima violenza carnale che, durante quest’estate infuocata, aveva macchiato le vacanze a Rimini.

Nel giro di pochi giorni tre immigrati avevano stuprato tre ragazze indifese. Uno di questi è il 39enne di origine marocchina che oggi è stato condannato per aver tentato di stuprare una 24enne riminese sulla spiaggia del bagno 36 la notte di Ferragosto. La ragazza, in quel momento sola, era stata aggredita alle spalle e gettata sulla battigia. L’uomo aveva tentato di violentarla ma la giovane era riuscita a liberarsi e a chiamare aiuto. La ragazza era stata soccorsa e, una volta portata in Questura, aveva riconosciuto in fotografia il marocchino che era stato arrestato dalla polizia poche ore dopo.

Questa mattina il marocchino, che era difeso dall’avvocato Mirko Renzi, ha patteggiato due anni pur avendo precedenti per altri tentati stupri. L’immigrato dovrà, quindi, rimanere nel Comune piemontese dove risulta residente. La ragazza, che si è costituita parte civile con l’avvocato Monica Gabrielloni, puntava ad ottenere una condanna con pena restrittiva. Ma non ci è riuscita.

Pakistan, orrore per una 18enne cristiana: obbligata a convertirsi all’islam

Diciottenne cristiana rapita e obbligata a convertirsi all’islam.

In Pakistan le donne cristiane sono vulnerabili: non sono protette dalla legge.

Era in casa da sola, quando un musulmano con l’aiuto di alcuni complici si è intrufulato nella sua abitazione. I genitori hanno subito depositato denuncia contro i rapitori e hanno contattato l’avvocato cristiano Sardar Mushtaq Gill.

L’avvocato, esperto in materia, ha deciso di fornire alla famiglia assistenza legale gratuita.“Data l’esperienza di un certo numero di questi casi – ha spiegato Sardar Mushtaq Gill a Fides – posso dire che spesso i sequestratori prendono le ragazze cristiane a scopo di matrimonio e conversione all’Islam in modo forzato”.

L’avvocato aggiunge anche che dopo il rapimento, “gli autori dei sequestri godono di impunità perché non esiste una normativa in materia di conversione forzata”. Anzi sono i magistrati e la polizia ad offrire un escamotage agli aguzzini che presentando la contro-denuncia possono dichiarare: “La donna ha compiuto una scelta volontaria”.

Le giovani ragazze stuprate e umiliate non hanno la forza di sostenere un confronto simile e nella maggior parte dei casi depongono a favore dei rapitori. Il caso è così risolto.