Famiglia tradizionale, il rischio che diventi tabù
Famiglia tradizionale, il rischio che diventi tabù
Massimo Introvigne: «Rispetto agli Usa, osservo maggiore forza distruttrice del nucleo famigliare in ambienti europei, sia nei singoli Stati sia nelle istituzioni Ue».
La famiglia tradizionale sta diventando un “tabù”? Forse sì, guardando alle statistiche che registrano matrimoni e nascite ai “minimi storici”. Secondo l’Istat nel 2013 in Italia si è registrato un crollo dei nuovi nati che hanno raggiunto un picco storico negativo con 514mila nascite, segnando un calo registrato per il quinto anno consecutivo. Dal 2008 a oggi sono più di 62.000 i nati in meno all’anno.
Lo scorso anno si sono celebrati meno di 200mila matrimoni, un numero che si attesta come il più basso nella storia del Paese. Mentre i divorzi sono cresciuti, tra il 2008 e il 2013 i matrimoni sono diminuiti dal 63% al 57% e coloro che scelgono di sposarsi con rito civile sono aumentanti dal 37% al 43%.

 

Condividi:
  • gianni

    Difesa e sostegno alla famiglia tradizionale (quale altra unione puo’ dirsi famiglia oltre a quella tra un uomo ed una donna, gli unici atti per Natura a divenire “genitori” ?…), lotta senza quartiere alle ideologie massoniche volte alla dissoluzione della societa’ tradizionale e vendute al popolo come “battaglie di liberta’”: legge contro l’omofobia, matrimoni fra omosessuale, adozioni da parte di coppie omosessuali, eutanasia ecc.
    Se questi sono i valori di Salvini, lunga vita al Capitano.
    P.s: mi viene qualche dubbio pero’ a sentir proporre Feltri a Presidente della Repubblica, le sue ultime dichiarazioni sono proprio quelle di u vecchio massone di destra, e non manca la paccottiglia animalista…..