GRECIA. SALVINI: VITTORIA DI TSIPRAS IN GRECIA È UN ELETTROSHOCK
GRECIA. SALVINI: VITTORIA DI TSIPRAS IN GRECIA È UN ELETTROSHOCK

“La vittoria di Tsipras in Grecia e’ un elettroshock, perche’ sarebbe e’ la vittoria di qualcuno che non e’ dipendente ne’ da Berlino ne’ da Bruxelles. Pero’, ovviamente, la Lega e’ un’altra cosa”. Matteo  Salvini  commenta cosi’ con Affaritaliani.it i primi risultati delle elezioni in Grecia. “Tsipras e’ per un’immigrazione senza controllo e non parla di uscire dall’euro. E’ positivo perche’ e’ un partito anti-sistema, pero’ ad Atene c’e’ Vendola a festeggiare. Non e’ esattamente la rivoluzione a cui pensiamo noi”. Nessuna alleanza destra-sinistra in Europa contro la Merkel e Juncker? “No, perche’ sui grandi temi non ci siamo. Sull’immigrazione, sui rapporti con l’Islam e sulla messa in discussione della moneta unica Tsipras non c’e’. Io ho tifato per loro perche’ la loro vittoria e’ un ribaltamento del tavolo, ma per l’Italia ora saranno problemi seri”. Perche’? “Lui non dice fuori dall’euro, ma dice rimango nell’euro e non ripago i debiti. E grazie ai geni di Monti e di Renzi adesso siamo noi che abbiamo prestato i soldi alla Grecia. Fino a tre anni fa noi non avevamo una lira di prestito alla Grecia, spieghiamolo chiaramente: se Tsipras ora che ha vinto fara’ quello che ha detto in campagna elettorale per gli italiani sara’ una fregatura miliardaria. Fino a tre anni erano i tedeschi ad essere preoccupati, adesso con i fondi salva-Stati gli abbiamo prestato 60 miliardi. Quindi se Tsipras vince e dice non ripago i debiti, prima erano i tedeschi a rimetterci, adesso grazie a Monti e Renzi siamo noi”

 

Condividi: