La Libia collassa: nella mani dell’Isis. Terrificante attacco, paura in Italia
La Libia collassa: nella mani dell’Isis. Terrificante attacco, paura in Italia

L’Isis avanza in Libia, a due passi dall’Italia. Dopo giorni di battaglia nell’Est del paese, i tagliagole attaccano anche ad ovest, nei pressi di Misurata. Una terrificante esplosione, infatti, ha devastato un campo di addestramento della polizia del governo di Tripoli: i primi bilanci parlano di 65 morti. Ad oggi, Tripoli e Misurata, sono controllate da milizie vicine ai fratelli musulmani, anche loro in lotta contro lo Stato islamico.

Nel frattempo, il capo delle forze armate libiche regolari, il generaleKhalifa Haftar, ha ordinato in mattinata all’aviazione di “fermare con tutti i mezzi a disposizione” l’avanzata dell’Isis verso il centro petrolifero di Sidra: i tagliagole sono a circa 50 km dal porto, dopo aver assaltato alla vigilia il complesso industriale di Hindia, alle porte dell’altro terminal petrolifero di Ras Lanuf. Nel caso in cui l’Isis avanzasse oltre Ras Lanuf, uno dei maggiori scali petroliferi del Paese, potrebbe cadere tutta la Libia, con le disastrose conseguenze in termini di sicurezza anche per il nostro Paese.

La Libia, dunque, sull’orlo del disastro. Solo ieri, mercoledì 6 gennaio, si è registrato il più deciso attacco islamista contro Sirte, attacco orchestrato dalla nuova base di Ben Jawad, centro strategico dello Stato islamico nell’est del Paese. La base è stata presa a inizio settimana, e da Ben Jawad i tagliagole possono colpire con maggiore facilità le installazioni petrolifere

Fonte:

Libero

Condividi: