#Salvini rilancia la castrazione chimica contro le violenze

La Lega pronta a un progetto di legge che introduca nuove pene per chi commette violenze sessuali.

“Per quanto mi riguarda chi compie una violenza sessuale una volta non deve poterla compiere più”.

Per questo Matteo Salvini e la Lega Nord sta studiando “un progetto di legge sulla castrazione chimica“.

Immigrazione, tasse, mafia, euro: una conferenza a tutto tondo quella del leader del Carroccio con la stampa estera. E non ha mancato di attaccare gli avversari. Se la prende con Matteo Renzi (“In politica economica Renzi non ne azzecca una: sarà simpatico, fa tweet, mangia gelati ma è solo fortunato”) e con Beppe Grillo (“Il suo referendum per uscire dall’euro è una presa in giro”), ma critica anche Silvio Berlusconi (“Il leader lo sceglie la piazza”).

E rilancia la lotta alle tasse, partendo proprio dalla proposta del Cavaliere: “Sono contento che Berlusconi sposi la flat tax“, ha detto, “Sono convinto, però, che si possa arrivare al 15% mentre lui parla del 20%. Il 15% sarebbe un’iniezione positiva per l’Italia: convinceremo anche di questo Berlusconi. Un sistema fiscale più semplice è più difficilmente complicabile e corruttibile: speriamo che sia una battaglia di tutto il centrodestra per una proposta seria, non alla Renzi”.

Condividi: