Il Sud: senza figli, nessun futuro – Andrea Lorusso
Il Sud: senza figli, nessun futuro – Andrea Lorusso

Il sistema Meridionale, che ha fatto la fortuna dell’Italia intera, ha smesso di funzionare e la fotografia dello “Svimez” non lascia scampo: “Non si fanno più figli”.

Il peggior dato dai tempi dell’Italia unita. Il minor tasso di nascite dal 1861. Il grembo materno delle donne del Sud, probabilmente, è ancora ricco di ospitalità e voglia di prosperare, ma è il Paese che ha stracciato un tessuto sociale difficile da riparare.

Nel 2013 soli 177mila bambini, dato superato dai decessi. Ed è un triste primato nella storia del Bel Paese che rischia, in 50 anni, di perdere 4.2 milioni di italiani. La crisi economica non da speranze né futuro, e l’impossibilità di progettare una famiglia è un grandissimo freno per la natalità, anche per quei luoghi solitamente portati ad adattarsi ad ogni situazione.

Ma questa volta pare davvero diverso. Lo Stato sociale smantella le sue prerogative e i giovani lasciati soli a combattere con una disoccupazione inchiodata al 50% che non permette più di vedere la fine del mese, figuratevi di progettare una esistenza da genitori.

Il “bonus bebè” da ottanta euro alle neomamme prospettato dal governo, è il solito fumo negli occhi ascrivibile alla totale mancanza di visione d’insieme, di un programma nazionale per sconfiggere l’emergenza natalità.

Il grido di allarme di oggi, se non si dovesse agire tempestivamente, diverrà la nuova società tra 30 anni, senza più capisaldi di collegamento tra nuove e vecchie generazioni. Sempre più multietnici, sempre più senza identità patriottica.

Il premier Renzi, nei suoi molteplici passaggi televisivi, mi ha colto d’accordo in un refrain che utilizza spesso: “Il miglior momento per piantare un albero, era vent’anni fa. Altrimenti il momento migliore è oggi.” Bene, benissimo, ha ragione!

Allora che si pianti il seme dell’orgoglio nazionale, prima che della Nazione, non rimanga soltanto uno Stivale vuoto.

di Andrea Lorusso
Twitter @andrewlorusso
Condividi: